Counselor Integrativo

sito

Il Counseling Integrativo si differenzia per preparazione e metodologia dal comune counseling. È un aiuto professionale volto alla risoluzione del problema della persona, all’eliminazione del disagio, al raggiungimento dell’obiettivo desiderato e allo sviluppo della positività e delle proprie potenzialità. È un approccio integrativo e strategico che si colloca all’interno delle discipline olistiche, non diagnostico e terapeutico, volto piuttosto a trovare le strategie più veloci e funzionali al cambiamento. Le aree di intervento sono:

  • Counseling orientato ad eliminare forme di sofferenze e negatività ed al raggiungimento di obiettivi specifici.
  • Counseling esistenziale – relazionale: autoconoscenza, problem solving, decision making, percorsi di coppia, famiglia, lavoro.
  • Counseling di crescita personale: empowerment, sviluppo del potenziale individuale e delle risorse.

Oltre al percorso universitario di 5 anni concluso con la magistrale in Psicologia Clinica, i miei studi si sono concentrati per ulteriori 4 anni presso la Scuola di Counseling Naturopatico Integrativo di Udine e sono un professionista riconosciuto dalla FAIP (Federazione Italiana delle Associazioni di Psicoterapia e Counseling). Un approccio integrativo implica un lavoro sulla totalità dell’individuo (il non diviso), nel suo insieme di coscienza – psiche – emozioni – corpo, per creare le condizioni necessarie al cambiamento, fornendo strumenti e risvegliando abilità per prevenire, ottenere e mantenere uno stato di armonia e di equilibrio. Cosa significa benessere per ognuno di questi 4 piani?

Metodo

gmz

La malattia, il problema o la sofferenza non sono giudicate come un nemico da sconfiggere, ma bensì come un’opportunità, un dono e un messaggio che si manifestano nel corpo e nella psiche riguardo ad una condizione di disequilibrio e di non allineamento con ciò che siamo e ciò che dobbiamo diventare. La positività su ognuno dei 4 piani dell’essere umano è legata allo studio ed alla comprensione della qualità dei pensieri, delle emozioni, delle reazioni fisiologiche del corpo e della coerenza con la propria mission di vita. Analizzeremo ora specificatamente ognuno di questi partendo dal basso.

Corpo – Sul piano organico, parlare di positività implica salute e benessere del corpo, una buona vitalità, longevità, efficienza fisiologica ed elasticità. Il corpo umano se messo nelle condizioni corrette di equilibrio è naturalmente portato alla salute e alla guarigione. Possiamo parlare di Eucitotrofogenesi, ovvero la comprensione dei principi di base del corretto nutrimento e della rigenerazione di cellule sane del nostro corpo, consapevoli che ciò dipende dalla qualità e quantità dei nutrienti che l’organismo assimila su tutti i piani e dalla sua capacità di eliminazione delle tossine e degli scarti metabolici nocivi. I nutrienti fondamentali sono il cibo, l’aria, la luce, il suono, il riposo, il movimento e la bio-energia.

Emozioni – Là dove mente e corpo si incontrano, sorgono le emozioni, le quali necessitano di essere comprese, amate e gestite efficacemente, per realizzare una vita felice ed entusiasmante grazie a vari strumenti e tecniche.

Psiche – I pensieri e le emozioni sono alimenti come il cibo per il corpo, possono nutrirci o avvelenarci. Considerando la positività sul piano psichico, parliamo di Eupsicotrofismo, ovvero la ricerca del corretto nutrimento sul piano psicologico e sulla comprensione dei processi interiori che alimentano: positività, autostima, efficienza e motivazione per favorire la creazione intenzionale per consentirci di realizzare i nostri obiettivi, i nostri sogni e manifestare i nostri talenti.

Coscienza – L’essere coscienti dei nostri pensieri, emozioni e sensazioni implica un io cosciente, un osservatore, separato da questi tre centri. Secondo le diverse tradizioni e scuole, possiamo chiamarlo sé, coscienza o anima. Non può esistere un percorso funzionale ad un profondo cambiamento senza un lavoro di risveglio e di espansione della coscienza e consapevolezza di sé e del mondo.